Pattuglie acrobatiche italiane

"Cavallino Rampante" 1950-1952

Prima pattuglia acrobatica a reazione, in Italia. Utilizzava velivoli De Havilland DH 100 "Vampire" nelle versioni FB Mk.51 e FB Mk.52A prodotti in Italia. La pattuglia era composta da 4 velivoli che appartenevano al 4° Stormo.

"Getti Tonanti" 1953-1955

Pattuglia dotata di Republic F-84G "Thunderjet", apparteneva alla 5^ Aerobrigata di Villafranca . Era composta da 4 velivoli.

"Tigri Bianche" 1955-1956

La pattuglia utilizzava con Republic F-84G "Thunderjet" (1) operanti sull'aeroporto di Aviano, con la 51^ Aerobrigata. Era composta da 4 velivoli.

"Cavallino Rampante" 1956-1957

Pattuglia composta da 4 velivoli Canadair F-86E "Sabre" (1), all'inizio, in un secondo momento utilizzò 5 velivoli. I velivoli appartenevano alla 4^ Aerobrigata.

"Diavoli Rossi" 1957-1959

Costituita a Ghedi dal 6° Stormo, la pattuglia utilizzava i 5 velivoli Republic F-84F "Thunderstreak" (1, 2).

"Lancieri Neri" 1958-1959

Nati dal 2° Stormo su velivoli Canadair F-86E "Sabre" utilizzavano 6 velivoli.

"Getti Tonanti" 1959-1960

Costituita a Rimini dalla 5^ Aerobrigata, operava su 5 velivoli Republic F-84F "Thunderstreak" (1).

"Frecce Tricolori" 1963 ad oggi

Sicuramente la pattuglia più conosciuta e rinomata, è nata su decisione dell'Aeronautica Militare di creare in pianta stabile una pattuglia, costituendo il 313° Gruppo Autonomo Addestramento Acrobatico con sede a Rivolto (UD). La pattuglia ha usufruito di diversi velivoli: Canadair F-86E "Sabre" (1, 2, 3), FIAT G-91 PAN (1, 2, 3) e attualmente utilizza l'Aermacchi MB-339 (1). La pattuglia è composta da 10 velivoli.